Fabrick Insights

Uno sguardo sul mondo Open Finance

- Scenario

Così il Banking as a Service migliora la vita delle banche italiane (e non solo)

Con le soluzioni di Banking as a Service gli istituti di credito e le aziende possono concentrarsi sulla user experience senza preoccuparsi dell’infrastruttura.Esso permette agli istituti di credito di concentrarsi sul rapporto con i clienti e sull’erogazione di servizi tailor made. 

La piattaforma e l’infrastruttura, infatti, vengono sviluppati e realizzati da soggetti terzi che poi li mettono a disposizione in modalità “Banking as a Service”. L’obiettivo dunque è duplice: da una parte migliorare i servizi bancari, perché i player possono garantire una migliore rispondenza alle esigenze della clientela; dall’altra implementare la digitalizzazione nel settore bancario

Quali sono i servizi integrativi più richiesti dalle banche?

Il digital corporate banking per le banche permette di implementare diverse soluzioni che rendono il percorso più agevole. Se dovessimo scegliere quali sono quelli più richiesti e che permettono di migliorare la user experience se ne potrebbero citare almeno sei.

  • La riconciliazione automatica, che associa a monte la transazione di pagamento con il titolo pagato, rendendo automatico il processo di riconciliazione sia per pagamenti fisici che digitali. È un servizio integrativo per le banche che garantisce automatismi nei processi e una migliore ed efficiente gestione dei flussi di pagamento.
  • I pagamenti dilazionati, che permettono di gestire i pagamenti frazionati e dilazionati, nel tempo o ricorrenti, e anche il regolamento tra la compagnia e l’istituto di credito.
  • Il sistema SDD integrato, un servizio di finanza integrata per le banche che razionalizza e automatizza in modo completo il sistema di pagamenti Sepa Direct Debit dalla stipula del mandato alla gestione degli incassi.
  • La riconciliazione di secondo livello, che permette l’incasso di pagamenti effettuati tramite SmartPOS, Virtual POS, Bonifico Bancario su Virtual IBAN e ora anche SEPA Direct Debit PSD2 PIS. È un tipico servizio di fintech per gli istituti bancari
  • Cash pooling, che consente un miglioramento nella gestione della tesoreria aziendale attraverso un accentramento, virtuale o effettivo, di tutte le risorse finanziarie (flussi in entrata e in uscita). 
  • Equity crowdfunding, un sistema di fintech per istituti bancari che permette di ottenere tutti gli strumenti e le tecnologie per la gestione delle campagne di equity crowdfunding in modo del tutto sicuro. 

I vantaggi del digital corporate banking per le banche italiane

L’assunto da cui partire è che il rapporto tra banche tradizionali e fintech è ormai improntato a una forte competition. Nessuna divisione netta, dunque, ma la consapevolezza che soggetti di nuova concezione sono in grado di garantire servizi integrativi per le banche, ma anche finanza integrata per le banche stesse, che permettono di snellire le procedure e non costringono gli istituti di credito a costruire intere piattaforme ex-novo. Riassumendo: minori costi, maggiore efficienza, maggiore possibilità di concentrarsi sulle reali esigenze della clientela. 

Finanza integrata per le banche straniere

Un esempio di come il digital corporate banking per le banche abbia funzionato anche per un colosso estero è il caso della partnership tra BBVA e Banca Sella che – con Fabrick, il suo modello di piattaforma di open banking – ha implementato soluzioni per offrire ai propri clienti – sia esteri che vogliono operare in Italia, sia della nuova banca digitale appena lanciata – una serie di servizi di finanza integrata per le banche straniere quali pagamenti locali come F24, bollettini postali, CBILL e pagoPA. Il tutto verrà reso possibile attraverso le API gestite sulla piattaforma di Fabrick. Si tratta di una delle prime iniziative del Gruppo Sella in Italia, in un’ottica di banking as a service. L’istituto spagnolo può così garantire un servizio trasparente e Pay-per-use: offre cioè banking online con diversi servizi a costo zero, e alcuni ossia con un pagamento commisurato all’utilizzo. 

Semplificare i servizi di local payment con il Banking as a Service

Il Banking as a Service è un processo end-to-end che assicura l’esecuzione dall’inizio alla fine di un qualsiasi servizio finanziario fornendolo sul web, disponibile su richiesta ed effettuato entro un periodo di tempo prestabilito. Il Banking as a Service in Italia è uno dei trend in maggiore crescita nell’ambito delle nuove frontiere del fintech e della digitalizzazione nel settore bancario. Con questa nuova modalità, servizi finanziari – ma anche pagamenti, prestiti, servizi di gestione del risparmio – non vengono più distribuiti in modo vincolato attraverso il canale bancario tradizionale ma diventano disponibili su una serie di canali digitali e fruibili in real time.

Read related